lunedì 22 luglio 2013

Detersivo in polvere per bucato fai-da-te

Oggi vi presento un detersivo in polvere per il bucato in lavatrice facile da realizzare ed economico. Bastano pochi ingredienti ed il gioco è fatto.
 
Basta avere in casa:
 
a) Sapone di Marsiglia in scaglie oppure da grattuggiare Bio; è la parte lavante.
b) Soda Solvay; ha la capacità di sciogliere lo sporco ed i grassi ed è perfetta anche come pretrattante. Si acquista nei normali supermercati.
c) Percarbonato di Sodio; è uno sbiancante all'ossigeno che ha la proprietà di essere efficace anche a basse temperature (attivo già a 30°) per smacchiare, sbiancare e disinfettare. Acquistabile in erboristeria oppure nei negozi bio che vendono detersivi ecologici. Utilizzare i guanti per maneggiarlo.
d) Bicarbonato di Sodio; serve a combattere la durezza dell'acqua, a rendere più solubile il sapone e rinforzare la sua azione lavante. Inoltre, protegge la lavatrice dalle incrostazioni. Si trova in tutti i supermercati.
e) Acido citrico come ammorbidente (facoltativo). Serve ad ammorbidire i capi. Si acquista nelle erboristerie o nei negozi bio. Utilizzare i guanti per maneggiarlo.
f) Amido. Che sia di frumento, mais o riso non importa. Il suo scopo è quello di mantenere in sospensione le particelle di sporco durante il lavaggio e ad ammorbidire i tessuti.
f) O.e. di Tea Tree (come disinfettante) - Facoltativo -
 
I rapporti tra gli ingredienti sono questi: 2 parti di sapone, 1 parte di Bicarbonato di Sodio; 1 parte di Soda Solvay per il detersivo di base. In genere non preparo il prodotto finito, nel senso che lo invento di volta in volta. Al fianco della lavatrice ho un carrellino dove sopra ho posizionato tutti i boccacci con gli ingredienti elencati sopra e li unisco in base alla quantità di bucato, al tipo di tessuto, al livello di sporco...
 
Diciamo che per un lavaggio base normale di colorati, nella vaschetta della lavatrice, metto due misurini di sapone grattuggiato, uno di Bicarbonato ed uno di Soda Solvay. Infine aggiungo un misurino di Acido citrico come ammorbidente.
Se il bucato è bianco, alle dosi di sopra aggiungo un buon misurino di Percarbonato di Sodio.
 
Se il bianco ha bisogno di essere pretrattato, lo metto in una vasca con acqua tiepida e ci spruzzo il succo di un intero limone e lascio in ammollo tutta la notte. Poi procedo con il normale lavaggio dei bianchi.
 
Se qualche indumento (come ad esempio le camice) necessitano di un velocissimo pretrattamento, strofino un poco di sapone grattuggiato sulla macchia aiutandomi con uno spazzolino piccolo (tipo quello della manicure).
 
In quasi tutti i lavaggi, si può aggiungere dell'amido: un misurino raso per conferire ulteriore morbidezza ai capi.
 
Provare per credere. La prossima volta, vi pubblicherò una ricetta di un detersivo per bucato liquido.
 
Foto e testi appartengono ai legittimi proprietari.

Olio Solare fai da te

In questo post vi parlerò delle possibili sostanze che possiamo utilizzare per farci da noi un olio solare protettivo. Non mi soffermerò sui danni provocati dal sole e neppure su tutte quelle sostanze dannose contenute nei principali prodotti venduti dalla grande distribuzione di cui dovremmo fare veramente a meno.
Comincio col dire che esistono, in natura, degli oli vegetali che hanno un fattore protettivo naturale (il fattore di protezione solare viene indicato con la sigla SPF) ed è su questi oli che andremo a concentrare la nostra attenzione e con i quali realizzeremo la nostra ricetta di Olio Abbronzante-solare.
Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Pharmacognosy Magazine di qualche anno fa condotto su vari oli vegetali al fine di stabilirne il fattore solare naturale in essi contenuto, l'Olio di germe di Grano, oltre ad essere ricco di Vitamine E e K (ottime per l'idratazione della pelle) ed a svolgere una buona azione antiossidante contrastando i danni provocati dai radicali liberi, ha un fattore solare protettivo (SPF) pari a 20.
L'Olio di semi di Carota invece, contiene un potenziale di Vitamina A molto alto ed anche il suo fattore protettivo è decisamente più alto dell'Olio di germe di Grano: è compreso tra 38-40.
Gli altri oli vegetali hanno il Fattore più basso e sono: Olio di Semi di Soia con SPF pari a 10. L'Olio di Macadamia con SPF pari a 6 e l'Olio di Jojoba con SPF pari a 4.
Da non sottovalutare anche due sostanze (normalmente utilizzate nella preparazione di cosmetici per il make-up minerale) che sono: l'Ossido di Zinco (ottimo contro gli UVA) ed il Biossido di Titanio (speciale contro gli UVB). Queste due sostanze respingono le radiazioni solari agendo da "specchio" in modo che non vengano assorbite dalla pelle. Quando una di queste due sostanze è presente nella crema solare protettiva conferisce alla crema quella caratteristica color bianco e difficilmente spalmabile.
Per poter sapere quale sia il nostro fattore di protezione ideale (per non incorrere nelle scottature) è necessario conoscere a quale Fototipo apparteniamo. Per scoprirlo, seguiamo le indicazioni sotto riportate:
Fototipo 1 - Caratteristiche della pelle: molto chiara, capelli chiari oppure rossi, occhi chiari. Reazione al sole: eritema intenso ad ogni esposizione al sole senza protezione. Tipo di abbronzatura: tenue che tende a sparire velocemente. Livello di rischio: molto alto con possibilità di dani permanenti.
Fototipo 2 - Caratteristiche della pelle: chiara, capelli biondo scuro oppure castano chiaro. Reazione al sole: pelle che si scotta facilmente al sole senza protezione. Tipo di abbronzatura: lieve e dorata. Livello di rischio: molto alto con possibilità di dani permanenti.
Fototipo 3 - Caratteristiche della pelle: scura e capelli castani. Reazione al sole: scottature occasionali e solo dopo lunga esposizione al sole. Tipo di abbronzatura: intensa ed omogenea. Livello di rischio: rischio medio.
Fototipo 4 - Caratteristiche della pelle: olivastra con capelli e occhi molto scuri. Reazione al sole: scottature rarissime. Tipo di abbronzatura: intensa e veloce tipo color cioccolato. Livello di rischio: rischio basso.
QUANTITA' di OSSIDO di ZINCO da utilizzare:
da 2 a 5 (fattore di Protezione) = si usa il 5% di ossido di zinco sul totale dell'olio
da 6 a 11 (fattore di Protezione) = si usa il 10% di ossido di zinco sul totale dell'olio
da 12 a 19 (fattore di Protezione) = si usa il 15% di ossido di zinco sul totale dell'olio
da 20 a 30/35 (fattore di Protezione) = si usa il 25% di ossido di zinco sul totale dell'olio.

Ricetta Olio solare con Protezione

Passiamo allora ad elaborare la nostra ricetta. Gli ingredienti che ho utilizzato io sono:
  1. Olio di Germe di Grano 40 gr
  2. Olio di Cocco 40 gr
  3. Burro di Karitè 20 gr
  4. Ossido di Zinco 20 gr
  5. Olio essenziale di Mirra 20 gtt.
  6. Idrolato di lavanda 80 gtt.
Per il procedimento avrete bisogno dei seguenti utensili:
  1. Una bilancina di precisione
  2. Un contenitore per pesare
  3. Una bottiglia di vetro scuro con spruzzino (oppure un flacone con dosatore riciclato)
  4. Un pentolino ed un contenitore da mettere dentro per il bagnomaria del burro di karitè
Fate sciogliere a bagno maria (fuoco basso) il burro di Karitè insieme agli oli. Appena il burro si è sciolto togliete dal fuoco ed aggiungete l'olio essenziale e l'Idrolato di lavanda. Mescolate bene. Aggiungete l'ossido di zinco e fate sciogliere accuratamente. Versate l'olio in una bottiglia di vetro scuro con spruzzino (ottime quelle vendute da La Saponaria) oppure in un flacone da shampoo riciclato ed il vostro olio solare è pronto.
Potete prepararlo anche senza utilizzare l'ossido di zinco. In questo caso se vi dovesse avanzare, potete usarlo come olio dopo bagno oppure dopo la doccia. Tenete presente che avendo tra gli ingredienti il burro di karitè, sotto i 20° tenderà ad essere più denso. Per la scelta degli oli essenziali, normalmente è meglio non usarli negli oli o creme solari perchè la maggior parte di queste sostanze sono fotosensibili e possono procurare macchie cutanee che non regrediscono (sono sopratutto gli oli esseziali agrumati e qualche fiore).
Se avete suggerimenti o altre ricette da proporre, oppure se avete sperimentato la ricetta e ne avete apportato delle modifiche, lasciate pure un commento: sarà graditissimo!
 
Porzia
 
Foto e testi appartengono ai legittimi proprietari. Vietata la riproduzione.

lunedì 1 luglio 2013

Le Ricette di Fata Morgana

Le ricette di Fata Morgana

Oggi vi presento un blog davvero speciale: Le Ricette di Fata Morgana.
In questo blog è racchiusa tutta la passione di Fata Morgana per la cucina che considera una magica alchimia. Si diverte a creare lei stessa i template per scrivere le ricette e devo dire che è davvero brava.

Ma bando alle ciancie e passo subito a farvi vedere le sorprendenti qualità di questa Fata!

Dato che siamo in periodo estivo, vi presento le sue bibite. La prima si chiama "Bibita ai 4 frutti" scritta nel bellissimo template da lei stessa realizzato!!!


La seconda bibita, "Bibita Fragole e Agrumi" deve essere buonissima!!! Peccato che la stagione delle fragole si è conclusa... ma potete sempre sostituire le fragole con un frutto stagionale e, perchè no, chiederle consigli a lei stessa: sono certa che sarà felicissima di aiutarvi a trovare un'altra soluzione adatta alle vostre esigenze!!

 
 
 
E perchè non un bel "Punch all'arancia"? Oppure un "Vino Speziato"?


 
 Visitate il suo blog: Le Ricette di Fata Morgana e scoprirete una infinità di ricette che lei stessa prepara!

Buona Giornata a tutti!
Alla prossima,

Porzia

Foto e testi appartengono ai legittimi proprietari. 

giovedì 27 giugno 2013

Riciclo Creativo di tutto un po'

Riciclare
... di tutto un po'...

 
Tempo fa ho cliccato "mi piace" sulla pagina facebook di Questo lo riciclo, ti Piace l'idea? che è una vera e propria miniera di idee.

Volevo scrivere un post per farvi vedere solo alcune delle idee che potreste trovare su questa pagina:
 
Avete delle vecchie infradito che volete rinnovare? Niente di più facile che procurarvi qualche conchiglia, qualche perla, un nastro in tinta con le infradito, ago e filo in colore ed il gioco è fatto.
 
 
E per rimanere in tema di scarpe: vi è mai venuto in mente di riciclare le vecchie scarpe mettendoci dentro un po' di terra e qualche pianta? Vedete un po' quì:


 
E ricavare un portavasi dal bottiglione del detesivo?
 
 
Poi ci sono anche alcune idee che non ci verrebbero mai in mente ma che si realizzano in un attimo e portano un miglioramento nel nostro modo di gestire le cose. Come il portacellulare da mettere appeso alla presa di corrente dove lo stai caricando...
 
 

 
Ma ancora, ci sono mille proposte ed idee: realizzare delle scatole dal cartone e decorate semplicemente con un pennarello. Qui trovate il link della foto e quì quello del tutorial per realizzarlo.
Ma non voglio togliervi il piacere di scoprire le altre idee che questa pagina può offrirvi.
 
Alla prossima,
Porzia
 
Foto e testi appartengono ai legittimi proprietari.


 

mercoledì 26 giugno 2013

Pulizie domestiche

Organizzazione delle pulizie domestiche
 
Immagine presa dal sito www.benesserevillage.it
 
Vi ricordate il post Pulize Domestiche? Ci eravamo lasciati con l'intesa che vi avrei scritto un post dedicato alla organizzazione delle pulizie. Eccolo quà.
 
Vi racconto come mi sono organizzata io per crearmi una specie di calendario delle pulizie che fosse compatibile con i vari impegni lavorativi e con la nostra vita matrimoniale. Inoltre, doveva rispondere anche alla mia esigenza di avere sempre la casa pulita e ordinata...
 
Mi sono munita di blocchetto e penna ed ho
fatto un giro della casa, stanza per stanza. Per ogni camera mi sono segnata tutte le attività che ci sono da fare, incluse quelle straordinarie. Ad esempio, nel bagno, oltre alle pulizie ordinarie, ho inserito la pulizia delle piastrelle, manutenzione del termosifone, pulizia della vaschetta del wc... Nella camera da letto, ho inserito anche il cambio degli armadi...
 
Dopo aver fatto questo elenco dettagliatissimo, ho scritto, al fianco di ogni attività, la frequenza con la quale fare queste attività. Ad esempio, ho aggiunto le lettere G (=giornaliera), S (=settimanale), M (=mensile), A (=annuale). Se una attività si svolge 2 volte al mese, ho scritto 2M, e così via.
 
Mi sono servita del calendario di Google per programmare le faccende domestiche. Ed ho trasferito tutta la mia programmazione cartacea su questo calendario. Mi trovo molto bene con il Calendario di Google perchè lavoro 8 ore al giorno al pc, e posso consultarlo in qualunque momento sia dal pc che dal cellulare. Tra l'altro, puoi programmare eventi ed inviare la mail alle persone interessate: niente male, no?
 
 Il consiglio che sento di darvi è di utilizzare lo stesso calendario (sia questo on-line oppure cartaceo)  per tutte le attività siano queste lavorative, familiari, faccende domestiche, appuntamenti con amiche, etc. Google Calendar vi consente di impostare la programmazione delle routine a seconda delle vostre necessità ed in più, potete stabilire se per un certo appuntamento avete bisogno di essere avvisati per mail oppure sms... e addirituttra stabilire quando rievere il messaggio!!
 
Per le amiche meno tecnologiche, propongo il classico cartaceo. Sul blog di Mammachetesta, potrete trovare una lista di planner, tra i quali, quelli più pratici e carini, secondo me, sono questi:
 
 
Che potete stampare ed utilizzare giornalmente.
Magari potete procurarvi un quaderno ad anelli con dei fogli trasparenti ed organizzarvi in anticipo la settimana, oppure il mese...

Oppure potete servirvi di questo planning, preso sempre dal blog Mammachetesta, settimanale:

 Inoltre, potrebbe tornare utile questo elenco delle attività. Vi inserisco prima quello vuoto, poi quello che l'autrice del blog (Mammachetesta) ha compilato:


 Ed ecco quello compilato:



Infine, uno in inglese che mi è sembrato molto particolareggiato ed è indicato per le donne che oltre alla casa e alla famiglia devono gestire anche il lavoro fuori casa (preso dal blog Wife,Mother,Teacher):
 
 
Fatemi sapere come vi siete trovate trovate meglio oppure se avete altre soluzioni che potrebbero tornare utili a tutti...
 
Alla prossima,
 
Porzia.
 
Foto e testi appartengono ai legittimi proprietari.

domenica 23 giugno 2013

La Lavanda

I mille volti della Lavanda...
 
La Lavanda, già conosciuta al tempo dei Romani che la utilizzavano per la cura e la bellezza del corpo e dei capelli, ed in seguito utilizzata per profumare i cassetti e gli armadi, oggi sta tornando incredibilmente in primo piano con il suo profumo avvolgente e delicato...
 
Sarebbe riduttivo, per quelle che sono le sue proprietà, utilizzarla solo come "profumatore".
 
In Italia, si coltiva principalmente la Lavandula Officinalis. Dal suo fiore, tipicamente di colore lillà (che può virare anche ad un azzurro tenue), si ricava l'olio essenziale (per distillazione con correnti di vapore) dalle molteplici caratteristiche ed usi. I fiori raccolti ed essicati si prestano ad infiniti usi anche in cucina e se raccolti con lo stelo possono essere essicati sia con il metodo tradizionale (suddivisi in mazzetti legati a testa in giù in luogo fresco e ventilato senza la luce del sole diretta) oppure si possono preparare i fusi di lavanda per profumare cassetti e armadi.
 
 
L'Olio Essenziale di lavanda ha mille straordinarie proprietà (un motivo in più per non farlo mai mancare nelle nostre case). Tra le caratteristiche più conosciute, ricordiamo il suo potere lenitivo e cicatrizzante che lo vede utizzato contro scottature da sole (eritemi) ed anche più in generale scottature da usione.
 


Lozione Lenitiva contro le scottature
5 ggt. o.e. di Lavanda
5 ml gel puro di Aloe
Questa Lozione può essere d'aiuto per alleviare le scottature da sole e piccole ustioni da fuoco. Dopo poche applicazioni si potrà vedere il suo effetto decongestionante e riparatore dei tessuti. La stessa lozione può essere usata su piccoli tagli e/o graffi con ottimi risultati.

Lozione spray Doposole e Defaticante
20 ggt. o.e. di Lavanda
250 ml di acqua Demineralizzata
Questo spray conservato in frigo e spruzzato sulla pelle dona una immediata sensazione di freschezza ed è un ottimo tonico per le gambe stanche e affaticate.

Inoltre, l'olio essenziale di lavanda viene utilizzato contro gli inestetismi della pelle come anticellulite (utile anche contro le smagliature) e antirughe.

Lozione Anticellulite
20 ggt. o.e. di Lavanda
20 ml Olio di Nocciole
Utilizzare la lozione due volte al giorno.

Lozione Antirughe
20 ggt. o.e. di Lavanda
30 ml Olio di Rosa Moscheta
Questa lozione, da mettere principalmente la sera prima di andare a letto, oltre all'effetto antirughe ha anche la proprietà di ridurre le macchie scure.

Tra le altre proprietà di questo fantastico olio, ci sono anche quelle calmanti e rilassanti. Si potrebbe utilizzare nel bruciatore d'essenze. Ricordate che la quantità di gocce di olio essenziale da mettere in un bruciatore deve essere uguale ai metri quadri della stanza in cui si trova (ad esempio, se la stanza è di 25 mq metterò 25 ggt di olio essenziale di lavanda, oppure posso utilizzare altri oli essenziali in miscela, l'importante è la quantità di gocce sia pari ai metri queadri della stanza da profumare).
Oppure potete mettere una manciata di fiori secchi nell'acqua del bruciatore: l'acqua riscaldandosi emanerà il frofumo dei fiori di lavanda...

Possiamo utilizzare i fiori di lavanda anche in cucina per preparare infusi deliziosi, dolci e tanto altro...

Possiamo preparare il Pane alla Lavanda.
Ricetta presa dal blog di Il Mio Giardino Fiorito.
Ingredienti180 gr di farina 00
60 gr di farina integrale
60 gr di crusca
24 gr di lievito per dolci
1/4 di litro di latte
60 gr di noci
80 gr di miele
1 uovo medio
alcuni rametti di fiori di lavanda essiccati

Per il procedimento visitate il sito che è arricchito anche di immagini...

Oppure, sempre nello stesso blog, c'è una fantastica ricetta del Risotto alla Lavanda:
Ingredienti per 4 persone
1 litro d?acqua, 1 cipolla grande, 2 carote, sale q.b.
4 spighe di Lavanda in fiore, lavate e asciugate
500 gr di riso Carnaroli
50 gr di burro
150 gr di pecorino
40 gr di parmigiano grattugiato

Sono in cantiere dei Biscotti con i fiori di lavanda. Appena li realizzo, posterò foto e ricetta.

E per finire, i fiori li possiamo usare, oltre che in cucina per delle deliziose ricette, in sacchetti di organza e/o tulle per profumare cassetti e armadi... e se abbiamo la fortuna di possedere una pianta, possiamo raccogliere i fiori con gli steli e preparare i fusi di lavanda come ci spiega Benedetta nel suo canale YouTube.


Al quale vi consiglio di iscrivervi perchè Benedetta fa tantissime altre cose oltre a questi meravigliosi fusi... Questo è l'indirizzo del suo blog: Fatto in casa da Benedetta.

E queste sono le foto della mia pianta di lavanda in campagna e dei fusi che ho realizzato ieri pomeriggio:

La mia pianta di Lavanda

I fusi di Lavanda
Naturalmente sulla Lavanda si potrebbe scrivere una enciclopedia intera... Io mi sono limitata a farvi conoscere solo le sue principali proprietà e scrivervi ricette di facile preparazione...

Sicuramente voi conoscete mille altri usi di questa fantastica pianta... Fateceli conoscere!

Alla Prossima.
Porzia

Foto e testi appartengono ai legittimi proprietari.

giovedì 20 giugno 2013

In evidenza

Il sito del mese...
 

In questo post voglio presentarvi una Azienda con la A maiuscola.
Si chiama La Saponaria. Nasce dalla passione di Luigi e Lucia e dal loro desiderio di far arrivare il loro amore per le cose naturali, buone, sane nei prodotti che normalmente utilizziamo per la nostra cura personale. E' un laboratorio consapevole di produzione artigianale di cosmetici formato da uno staff davvero speciale: interessati al riciclo, a sperimentare nuove soluzioni più funzionali, attenti alle esigenze dei loro clienti... Il tutto con un grande riguardo nei confronti della Natura (come dimostra la scelta degli imballaggi)...
 
Meritano davvero un "BRAVISSIMI".
 
Ovviamente, oltre al sito La Saponaria, c'è anche la pagina facebook per essere sempre aggiornati, ed il canale Youtube.
 
Sul loro sito non vendono solo il "prodotto finito", ma un assortimento completo delle materie prime per poter realizzare da soli i nostri cosmetici. Loro, però, hanno fatto qualcosa in più: hanno realizzato dei Kit nei quali ci sono le materie prime, i contenitori ed il ricettario per chi è alle prime armi. C'è una sezione dedicata alle ricette fatte dai clienti, con una serie di consigli su come utilizzare al meglio i prodotti presenti nel sito.
 
Posso testimoniare io stessa la qualità dei prodotti perchè ho effettuato da loro degli ordini ed ho già avuto modo di testare la loro ottima qualità.
 
Facciamo insieme un "giretto" su questo sito e vi mostro subito i Kit con i quali chiunque può iniziare in modo sicuro a realizzare i propri cosmetici:
 
Link: http://www.lasaponaria.it/prodotti/Kit-autoproduzione-e-preparati-di-base/


 
Con il Kit "Basic Instinct" potrete realizzare un deodorante alla menta, un dentrificio all'argilla ed un frizzino deodorante per pediluvio. All'interno della confezione c'è tutto il necessario per realizzarli (inclusi i contenitori vuoti).
 
Con il Kit "Calmomilla", invece, avrete la possibilità di farvi da sole uno struccante bifasico alla camomilla e calendula, la crema viso alla calendula ed il tonico viso...
 
Il Kit "Massaggiami" contiene il necessario per realizzare il burrocacao all'arancio, un olio solido da massaggio ed una crema mani. Al momento questo kit è esaurito. Confidiamo di trovarlo presto.
 
Nel Kit "Purificante" potrete trovare gli ingredienti per realizzare una maschera astringente alla salvia e un tonico all'ortica.
 
Potete tranquillamente chiedermi qualche suggerimento, dal momento che li ho acquistati tutti per poterveli proporre. Lo struccante bifasico del Kit Calmomilla è favoloso. Ha un profumo leggermente vanigliato non unge e, per essere uno struccante delicato (indicato sopratutto per chi ha la pelle sensibile) rimuove benissimo il make-up...  Il Tonico all'ortica del Kit Purificante sembra toglierti il velo di grigiume che la giornata ha lasciato sul volto. La sensazione che si prova è di una profonda pulizia.... Ma non vi aggiungo altro, per non togliervi il piacere e la curiosità di scoprire da voi tutto quello che questa azienda offre.
 
Ho acquistato anche alcune materie prime tra cui l'estratto di edera ed alcuni oli vegetali e presto vi pubblicherò una ricetta per un fantastico olio anticellulite e olio e crema solare protettiva. Se poi volete avere già in casa le materie prime che ho acquistato, vi posto l'elenco:
  • Estratto di edera
  • Oleolito di calendula
  • Olio di cocco
  • Olio di Sesamo
  • Olio di Avocado
Tutti acquistati dal sito della Saponaria.
 
E per concludere, per chi non si sente ancora pronto a "spignattare", vi ricordo che su questo sito potete trovare anche una vasta scelta di prodotti realizzati nel loro laboratorio già pronti per essere usati...
 
Ribadisco il mio "Bravi, bravissimi" alla Saponaria e a tutto il loro staff per l'impegno e la cordialità che hanno mostrato in più di una occasione e vi rimando al prossimo post!
 
Foto e testi appartengono ai legittimi proprietari. 

martedì 11 giugno 2013

Uncinetto: ancora schemi

Ancora schemi all'uncinetto

Eccoci al nostro appuntamento con l'uncinetto.
Come vi avevo annunciato nel precedente post sull'argomento, oggi vi posto alcuni schemi di altri accessori.
 
Vediamo qualche borsa presa dalla pagina facebook di Anne Chapuis.


Borsa rosa


Schema borsa rosa


Borsa sacco


Schema borsa sacco

Altre interessanti borse potete trovarle sul sito Fleur et applications au crochet. Vi posto una anticipazione, ma vi consiglio di darci una occhiata perchè ci sono davvero tantissime idee:

Borsetta


Schema borsetta



Quest'anno mi sono cimentata nella realizzazione delle scarpe all'uncinetto. Tutto è nato da una foto di in paio di sandali realizzati unicamente all'uncinetto e mi sono detta: perchè no? Perchè non ricoprire quelle antipatiche infradito che non piacciono più? Sempre dal sito di Fleur et applications au crocket, guardate che meraviglia:

Le infradito che avete possono essere recuperate in mille modi diversi:


 Potete anche cambiare modelli e colori e filati. Aggiugere pietre, conchiglie e perle... Insomma, la fantasia la fa da padrona in questi casi.






Sotto il relativo schema:


E che dire di queste bellissime infradito?
 

 
Ma visitate il sito.... ci sono tantissimi altri modelli!!! Come queste bellissime scarpe chiuse, con lo schema e le spiegazioni passo a passo:
 

 
E per concludere la nostra carrellata sugli accessori, vediamo le cinture. Le foto e gli schemi sono stati presi sempre dalla pagina facebook di Anne Chapuis:
 
 
 

 
 
Ed una simpatica cinta a fiori...
 
 


 



Visitate la pagina sugli accessori del sito http://fleurs-applications.over-blog.com/tag/Bijoux/: vedrete che meraviglie!!! E ci sono tutti gli schemi!

Alla prossima puntata con l'uncinetto per la casa...

Foto e testi appartengono ai legittimi proprietari.

Pulizie Domestiche: Ricette Autoproduzione Detersivi e consigli utili

Pulizie Domestiche
Organizzazione e Ricette Detersivi Naturali

Tutti vogliamo una casa pulita e ordinata... avere un bucato bianchissimo e profumato... sentire l'odore di fresco e pulito quando si entra in casa... Ma a che prezzo? Cosa ci propone il mercato? E siamo sicure dei prodotti che stiamo spalmando su ogni superficie della nostra casa?  E delle sostanze chimiche con le quali trattiamo i nostri indumenti?
Per realizzare una pulizia profonda ed avere la casa pulita e disinfettata, un bucato impeccabile ed un fresco profumo di pulito non serve spendere un patrimonio in prodotti costosi che ti promettono di fare le pulizie al posto tuo...
 

Certo, scegliere metodi naturali ed ecologici non significa risparmiare la fatica di dover pulire. Non esistono pozioni magiche che fanno il tuo lavoro: non strofinano per te il bucato, quindi coprono la macchia con una sostanza chimica! Non lavano il pavimento al posto delle tue mani ... Non possono disinfettare se dentro hanno solo acqua colorata e conservanti chimici che ti danno solo l'idea del pulito e poi ti sviluppano allergie che non credevi nemmeno esistessero.
 
 
Nella mia esperienza di autoproduzione, ho imparato a selezionare le cose che veramente servono per pulire una casa da cima a fondo! Prodotti di facile reperimento e di uso comune che probabilmente tutti già abbiamo in casa ma non sappiamo dei loro "usi" aggiuntivi. Ho preparato per voi una lista dei prodotti e degli utensili che non devono mai mancare in casa e che hanno un costo davvero irrisorio ed alla portata di tutti (tranne gli oli essenziali, ma non sono obbligatori e comunque, il loro utilizzo si limita a poche gocce e di conseguenza il prezzo un po' più alto viene ammortizzato).
Elenco "sostanze" indispensabili:
  • Soda Solvay;
  • Aceto bianco;
  • Detersivo piatti bio;
  • Limoni, succo di limone;
  • Sapone di Marsiglia (puro);
  • Bicarbonato di Sodio;
  • Acido citrico;
  • Percarbonato;
  • Oli essenziali (limone, geranio, lavanda, bergamotto, etc);
  • Tea Tree Oil;
  • Alcool 90° (per liquori);
  • Alcool (rosa);
  • Argilla;
  • Acqua denaturata (la ricavo d'estate dai condizionatori).
  • Cenere di camino (per preparare la Lisciva: smacchiatore eccezionale per i capi bianchi).
Per quanto riguarda gli "utensili", cerco di riciclare il più possibile. Ecco un elenco sufficiente ma non esaustivo (ciascuno di noi può arricchirlo come meglio crede):
  • Panni in microfibra di tutte le dimensioni;
  • Vecchi asciugamani ritagliati per lavare i piatti;
  • Canottiere e magliette di cotone ritagliate per i vetri;
  • Carta da giornale (quotidiano)
  • Vaporetto;
  • Secchio e bastone per lavare i pavimenti;
  • Scopa e paletta (io ho un aspirapolvere e scopa elettrica tutto in uno, l'ho scelto ecologico con le sacche di carta, a basso consumo energetico, classe AA);
  • Bottiglie, spruzzini e flaconi vari (recuperati da vecchi prodotti acquistati)
  • Spazzole e spazzolini di varie grandezze (per i rubinetti di bagno e cucina riciclo i vecchi spazzolini da denti, per le altre cerco sempre di acquistarle in legno con le setole naturali, non animali!!!);
  • Misurino da cucina (va bene anche quello vecchio che prima era utilizzato per gli alimenti)
  • Grattugia (per il sapone di marsiglia, se non lo trovate direttamente in scaglie)
  • Boccacci per riporre i detersivi in polvere
  • Palline da bucato (si possono ricavare anche da resistenti bottiglie di plastica ritagliate e munite del loro tappo tappo)
  • Pietra Pomice.
Passiamo ora a semplicissime ricette da fare con la lista delle sostanze appena vista sopra.
Ovviamente le quantità sono indicative. Potete raddoppiarle per avere più prodotto, anche se credo sia meglio prepare al momento questo tipo di ricette per avere un prodotto sempre fresco.
 
Detersivo Bucato in polvere
2 tazze di Sapone di Marsiglia in scaglie (oppure grattuggiato)
1 tazza di Soda Solvay (potenzia l'effetto del sapone)
1 tazza di Percarbonato (smacchiante e sbiancante a 30°)
1 tazza di bicarbonato di sodio
Mescolate tutto con cura e riponete in un boccaccio a chiusura ermetica. Rispettando le proporzioni 2:1:1:1 degli ingredienti potete prepare più detersivo da tenere già pronto. Io mi trovo più comoda a tenere gli ingredienti separati e  metterli al momento del lavaggio nella vaschetta del detersivo.
Utilizzo: Versare 2 cucchiaini nella vaschetta del detersivo. C'è poi, chi lo mette direttamente nel cestello della lavatrice.
 
Ammorbidente:
2 tazze di Aceto di mele
10 gtt o.e. lavanda (oppure altro a scelta, a seconda dei gusti)
Utilizzo: Versare nella pallina da bucato e mettere nel cestello della lavatrice.

Oppure, utilizzare due misurini di acido citrico direttamente nella vaschetta della lavatrice ed avviare un programma di risciacquo.

Sbiancante - Smacchiatore
Percarbonato puro.
Utilizzo smacchiatore: Versare due cucchiaini nella vaschetta del prelavaggio (oltre alla pallina dosatrice con il detersivo liquido all'interno del cestello) e fare il normale lavaggio dei capi. Per agire, il percarbonato, necessita di una temperatura di almeno 30°.
Utilizzo sbiancante (capi bianchi): in una vaschetta metto in ammollo i capi bianchi da lavare. Aggiungo acqua molto calda e circa 1 cucchiaino di percarbonato ogni litro d'acqua. Lascio agire un paio di ore e poi strizzo e passo in lavatrice. Aggiungo un misurino di percarbonato nella vaschetta del detersivo (oltre la pallina dosatrice con il detersivo liquido) e avvio il programma dei bianchi a una temperatura di circa 40°-50°. Dopo che la lavatrice ha tirato l'acqua, metto in pausa. in modo che il detersivo, potenziato dal percarbonato, possa ulteriormente agire su residui di macchie e dopo circa 30 minuti faccio ripartire il programma.

Sbiancante al succo di Limone
Succo di un limone
Acqua calda

Spremere il limone filtrando il succo e metterlo in una vasca con acqua molto calda. Immergere il bucato (bianco) come prelavaggio. Far agire almeno per un paio d'ore e procedere con il normale lavaggio.

 
Pulitutto:

1/2 cucchiaino di detersivo piatti ecologico;
1 cucchiaino di Bicarbonato di sodio
2 cucchiai di Aceto bianco
2 tazze di acqua
3 gtt o.e. a scelta (utilizzare il tea tree oil per un prodotto che sia anche igenizzante)
Versate tutto in uno spruzzino, facendo sciogliere bene gli ingredienti in una ciotola ed il vostro pulitutto è pronto.
Attenzione: NON USARE MAI l'aceto e l'acido citrico su marmo e travertino.
 
Detersivo piatti
Io acquisto quello alla spina ecologico della GreenNatural. Mi trovo molto bene. E poi mi serve come base per altri prodotti. Ciascuno di noi però, ha i propri gusti, e per chi volesse farlo in casa, ecco qualche ricettina:

Detersivo Piatti al limone, aceto e sale: vi metto il link del blog Sotto il Vecchio Castagno che propone e spiega molto bene questa ricetta (qui).
 
Vi propongo il video sotto riportato che vi fa vedere passo a passo tutto il procedimento per realizzarlo.
 
 
 
Detersivo Vetri
  • 150 ml di alcool (meglio quello per liquori perchè non ha nessun odore, in alternativa va bene anche quello rosa).
  • 500 ml di acqua distillata (se la vostra acqua non è molto calcarea potete usare quella del rubinetto)
  • o.e. a scelta (se usate l'alcool rosa in modo da profumarlo)
  • qualche goccia di detersivo per piatti ecologico
Uno spruzzino, meglio se riciclato.
 
Mettete tutto nel flacone dello spruzzino ed avete il vostro prodotto pronto all'uso.
 
Sotto vi prongono un video preso dal canale Youtube di "Case da Incubo" che illustra come pulire i vetri utilizzando materiali che tutti abbiamo in casa ottenendo risultati sorprendenti.


Per spolverare i mobili, al momento sto usando un panno in microfibra umido. Lo lavo in acqua caldissima e lo strizzo bene bene. Il risultato è che la polvere non vola da tutte le parti, non si accumula negli angolini e tutto rimane lucido...

Credo che adesso avete una buona conoscenza per farvi una scorta di Prodotti Naturalissimi per iniziare le pulizie. Vi ricordo gli altri post dove ho pubblicato altre ricette:
Detersivi a base di Limone ed anche il post sulle Pulizie Ecologiche.
 
Ora avete tutte le ricette e le informazioni necessarie per cominciare a pulire la casa in modo ecologico. Si, ma da dove cominciare? Nel prossimo post vedremo insieme come organizzarci e come pulire le varie statnze in modo da risparmiare tempo ed avere la casa sempre pulita ed ordinata!
 
Alla prossima.
 
Foto e testi appartengono ai legittimi proprietari.